Tag Archives: via campesina

Gli uomini neri

1 Feb

Le reti del terrorismo neofascista ancora operative www.contropiano.org

La Bolivia-Croazia-Italia connection

Quando è giunta la notizia che le forze di sicurezza boliviane avevano smantellato una rete terroristica che intendeva uccidere il presidente Evo Morales e il vice presidente Garcia Linera, l’attenzione è andata subito sulla composizione di questa rete. In essa vi compaiono mercenari e neofascisti europei o boliviani di origine croata. Una ricerca più approfondita su quello che appare il “capo” del gruppo liquidato in un hotel di Santa Cruz – da anni regione praticamente in mano alla destra più violenta e reazionaria – porta direttamente a incrociare i dati con i gruppi mercenari e neofascisti che hanno combattuto al fianco dei gruppi fascisti croati nella guerra di secessione  che ha insanguinato la Jugoslavia negli anni ’90.

Questi due fattori così lontani geograficamente- Bolivia e Croazia – hanno visualizzato un denominatore comune che coinvolge anche l’Italia e le reti neofasciste che hanno animato la “guerra a bassa intensità” anticomunista dagli anni Sessanta  in poi e che oggi godono di posizioni di potere e di risorse assicurate dal nuovo quadro politico italiano. Le forze antifasciste in Italia non possono dunque rimanere indifferenti di fronte alla gravità dei fatti rivelati da quanto accade in Bolivia. Continua a leggere

Braccianti e lavoro schiavo: lo Stato c’è. E si vede.

22 Gen

21 gennaio 2010. Dal Blog di terraTERRA:  Rosarno un problema globale. Il male alla radice….

Antonio Onorati (Centro Internazionale Crocevia)

La rivolta dei braccianti di questi giorni continua ad essere inquadrata come un problema di ordine pubblico dovuto all’assenza dello Stato. Ma questo non corrisponde assolutamente a quello che succede. Lo Stato, anzi gli Stati, ci sono e portano tutta intera la responsabilità. Quella – semplice da comprendere –   della costruzione di un quadro giuridico che facilita la totale disarticolazione del mercato del lavoro e la sua  gestione da parte di gruppi criminali.

Continua a leggere